8 Consigli per scegliere il Tappetino Yoga perfetto

Seguendo la pratica tradizionale dello Yoga, ci sono solo due cose che servono per praticare: il tuo corpo e la tua mente. Il tappetino yoga è quindi un accessorio opzionale, ma molto apprezzato in quanto offre un maggiore comfort e ti permette di avere un tuo spazio personale, visivamente separato dalle altre persone quando pratichi in gruppo.

Se il tuo tappetino non è specifico per lo yoga o non ha le dimensioni giuste, sarà più difficile lasciarti trasportare e riuscire a concentrarti, soprattutto se sei un principiante.

Quali sono i tipi di tappetini yoga?

Scegliere il giusto materassino per lo yoga: 3 errori da evitare

La scelta di un tappetino yoga non richiede molto tempo, ma è importante tenere a mente alcune informazioni di base per non sbagliare.
Esistono diversi tipi di tappetini, di cui due non sono affatto consigliati:

  1. Il tappetino da campeggio.
    Non ha un rivestimento antiscivolo, il che lo rende scomodo e alquanto pericoloso. Ancora peggio, è difficile da arrotolare e quando poi lo ristendi di nuovo i bordi restano sollevati o increspati. Lo yoga è una disciplina che richiede concentrazione e meditazione, cose che non si riescono ad ottenere su una stuoia da campeggio. Se usi questo tipo di tappetino, potresti erroneamente pensare che lo yoga non sia fatto per te!
  2. Tappeto per Pilates.
    Molto meglio del precedente, anche se il tappetino da pilates è molto più spesso di quello usato nello yoga. In realtà, è progettato per praticare il metodo Pilates, una miscela di danza e yoga, che viene generalmente praticato stando stesi a terra. Ma per lo yoga, che alterna esercizi in piedi, seduti e distesi, è preferibile utilizzare un tappetino più sottile.
  3. Il tappetino yoga, ma realizzato in PVC.
    Ultimo errore. Esistono buoni tappeti in PVC, ma questo materiale è considerato tossico e cancerogeno. Una volta che lo sai, è difficile restare indifferenti mentre respiri in plank. Sarà molto meglio scegliere altri tipi di materiale.
  4. Il tappetino Yoga. I primi yogi non usavano nessun tipo di tappeto, nonostante il rischio di ferirsi o danneggiare alcune articolazioni (come le ginocchia!).
Puoi fare Yoga in spiaggia o sull’erba anche senza tappetino, ma attenzione alle articolazioni!

Certo, puoi praticare Yoga senza un tappetino, cosa che può funzionare per chi lo pratica quando non ne ha uno a portata di mano. Un buon tappetino ha però due grandi vantaggi:

  • Comfort (superficie, pulizia), minimo rischio di lesioni (ginocchia, caviglie, colonna vertebrale).
  • Crea l’effetto ” rituale “.
    Questo effetto può essere davvero essenziale per molti. Lo yoga non appartiene alla nostra cultura, e il tappetino diventa un elemento che aiuta a ritualizzare la sessione di yoga, per separare meglio gli esercizi dai tuoi impegni quotidiani. In breve, quando il tappetino è posizionato sul pavimento, è tempo di disconnettersi dal resto del mondo.

Come e dove acquistare un buon tappetino yoga?

Poiché lo yoga è in piena espansione, c’è una selezione sempre più ampia di materassini da yoga tra cui scegliere. Anche se l’Italia è ancora un po’ indietro rispetto alla gamma di tappetini yoga disponibili, ad esempio, negli Stati Uniti, hai comunque l’imbarazzo della scelta. Tra iuta e gomma eco, tra morbido o duro, dal tappetino yoga da viaggio ultra sottile, al pesante super ammortizzante per l’Asthanga Yoga. I nostri consigli non dovrebbero solo aiutarti nell’acquisto, ma anche fornirti conoscenze come il giusto rapporto qualità-prezzo, lunghezza, larghezza e peso adeguati, nonché i possibili materiali e il loro effetto sull’ambiente e sulla salute.

8 consigli per scegliere il perfetto tappetino yoga

1. Qualità e prezzo

La fascia di prezzo per i tappetini yoga è davvero grande e varia da molto economica (meno di 20 €) a lussuosamente costosa (200 €). I tappeti più economici sono generalmente realizzati in semplice PVC. I più costosi sono i nuovi modelli in lana soffice o rifiniti con seta. I materassini per yoga realizzati con materiali naturali tendono ad essere un po’ più costosi di quelli in plastica, ma sono generalmente più rispettosi dell’ambiente e della nostra salute. C’è da dire, però, che i tappetini yoga in PVC hanno la durata più lunga.

Qual è la differenza tra un tappetino da yoga economico e uno più costoso?

  • Durata: i tappetini yoga economici si disintegrano dopo poche settimane.
  • Eco-compatibilità: i tappetini economici sono per lo più realizzati con materiali chimici e non biodegradabili.
  • Odore: i tappeti a buon mercato hanno un forte odore di plastica o chimico, proprio a causa del materiale con il quale sono prodotti.

In generale, si può dire che vale la pena investire in un buon tappetino da yoga se ha una superficie antiscivolo e garantisce una buona ammortizzazione. E ancora, pensaci: se risparmi sul tappetino oggi, ne avrai bisogno di uno nuovo dopo qualche mese o un anno. Meglio acquistarne uno di buona qualità che allo stesso tempo protegge anche l’ambiente.

Fasce di prezzo

I tappetini yoga sono disponibili in tre fasce di prezzo:

  • € 15-35 – I modelli entry-level.
    I tappetini yoga in questa fascia di prezzo sono per lo più realizzati in PVC, essendo un materiale relativamente economico da produrre. Non c’è niente di sbagliato in questi tappetini, soprattutto se hai iniziato a fare yoga da poco e non sai esattamente con quale frequenza pratichi. Ma presta comunque attenzione ai test sugli inquinanti (come l’Oeko-Tex® Standard 100). Il tappetino yoga dovrebbe essere realizzato senza solventi e benzeni, e dovrebbe essere privo di ftalati e metalli pesanti.
  • € 35-70 – un buon investimento.
    In questa fascia di prezzo troverai tappetini yoga con una buona densità e resistenza all’abrasione. Ovvero puoi aspettarti che durino di più, anche se sottoposti ad un uso intenso. I materiali vanno da PVC, PER (Polymer Environmental Resin) e fibre naturali come gomma naturale, juta o canapa. Anche le stuoie in lana vergine per lo yoga più calmo e i tappetini leggeri da viaggio rientrano in questa fascia di prezzo.
  • € 80-200 – la versione lusso e professionale.
    In questa fascia di prezzo puoi trovare ad esempio tappetini yoga particolarmente lunghi o spessi, oppure resistenti o realizzati con materiali costosi come la lana Merino o la seta.

2. Antiscivolo / Aderenza

Fin dal primo cane a testa in giù, noterai che un tappetino yoga antiscivolo con una buona presa per mani e piedi vale oro. Se nuovi, quasi tutti i tappetini yoga sono antiscivolo, perché sono spesso ricoperti da uno strato speciale che forma una patina aderente. Ma se la struttura del tappetino non è sufficientemente densa o intrecciata, il sudore e i batteri possono penetrare e renderlo scivoloso o antigienico. I tappetini da yoga in gomma naturale o fatti con un mix di iuta e gomma naturale sono generalmente molto antiscivolo.

3. Spessore: ammortizzazione e comfort

Ginocchia, fianchi, caviglie e colonna vertebrale hanno bisogno di una certa quantità di ammortizzazione sul tappetino, soprattutto se pratichi yoga in modo dinamico e combini le asana con i salti. Ma è importante andare più a fondo e considerare che, oltre allo spessore del tappetino, la densità del materiale gioca un ruolo decisivo per il comfort e l’ammortizzazione. Ad esempio in Asthanga Yoga, consiglio un tappetino di Gomma / juta naturale spesso 5 mm ad alta densità.

Lo spessore dei materassini varia tra 1 mm e 15 mm, da estremamente sottile ai più spessi per Pilates. Forse la miglior opzione è quella dei tappetini da viaggio. Sono facilmente trasportabili e spesso hanno una tracolla in dotazione per il trasporto.
Detto questo, due sono gli spessori più comuni ed usati:

  • Il tappetino standard da 3,3 fino a 4 mm.
    È lo standard per gli yogi. Lo spessore consente di proteggere le articolazioni, aderisce bene al pavimento ed è perfetto per tutti i tipi di yoga.
  • Il tappetino spesso 6 mm. Come lo standard, si adatta a tutti i tipi di yoga dinamici, anche quelli più intensi, ma offre un maggiore comfort, soprattutto quando si tratta di pose che vengono eseguite da seduti e per i tipi di yoga per i quali le posizioni vengono mantenute più a lungo. Attenzione però perchè spesso sono molto ingombranti e quindi difficili da trasportare; ideale però se pratichi yoga a casa.

Se supera i 6 mm, il tappetino diventa troppo spesso. Se superi questo spessore, la tua sessione di yoga rischia di essere danneggiata dalla mancanza di stabilità nelle posizioni. L’obiettivo è scegliere il tappetino in base al tipo di yoga: dentro, fuori? Yoga soft, più intenso, più dinamico?

4. La giusta lunghezza e larghezza

In parole povere, dovresti essere in grado di sdraiarti sul tappetino yoga in modo che la testa e i piedi non escano fuori.

  • Modello normale: un tappetino yoga comune ha una lunghezza compresa tra 1,72 e 1,80 m e una larghezza compresa tra 0,61 e 0,70 m. Queste dimensioni sono sufficienti per tutti gli yogi fino a 1,75 m. La cosa migliore da fare sarebbe provare un tappetino in palestra per vedere come ti senti questa lunghezza.
  • Tappetino yoga XL: se sei alto 1,80 m o ancora più alto, ti consigliamo un tappetino yoga XL con una lunghezza di circa 1,90 m. Gli uomini con spalle larghe si sentono a proprio agio sui tappetini che sono larghi almeno 68 cm.
  • Tappetino yoga XXL: se vuoi ancora più spazio, cerca i modelli XXL. Questi tappetini hanno una lunghezza esagerata di 2 m e una larghezza di 1 m.

5. Il giusto peso per il trasporto

Un tappetino yoga può essere piuttosto pesante. Se scegli un’ammortizzazione particolarmente buona e quindi un tappetino piuttosto spesso, puoi arrivare tranquillamente a 2,5 kg. Quindi, prima di acquistare, pensa a come e dove usi il tuo tappetino yoga. Se lo lasci in palestra o a casa, il peso non ha molta importanza e puoi sceglierne uno leggermente più spesso per un maggiore comfort. 5-7 mm di spessore.

Se invece lo devi trasportare, magari a piedi o in bici, ti consigliamo un tappetino che pesi tra 1,5 e 2 kg. Se viaggi molto, un tappetino da viaggio sottile con uno spessore di circa 3 mm.

Categorie di peso e spessore

Possiamo dividere i tappetini yoga in tre grandi classi, ordinate in base a peso e spessore:

  • Tappetini yoga fino a 1 kg / 0,5 – 2 mm: quasi sottili come un asciugamano; belli e leggeri, soprattutto come tappetino da viaggio con la possibilità di piegarlo e metterlo anche in valigia; ma anche quasi nessuna imbottitura e ammortizzazione
  • Tappetini yoga 1 – 2 kg / 2-4 mm: la via di mezzo, ancora ampia e stabile. Fornire uno spessore e un’ammortizzazione sufficienti. Rimangono ancora facili da trasportare.
  • Tappetini per lo yoga 4 – 5 mm / 2-3 kg: principalmente questi tappetini per lo yoga sono chiamati “Pro” e sono fatti per gli yogi che praticano molto o che hanno bisogno di più spessore per proteggere ossa e articolazioni. Offrono un’ammortizzazione e uno spessore molto buoni, ma sono abbastanza pesanti.

6. Sostenibilità: ecologico, riciclabile e che duri nel tempo

Quanto eco-sostenibile è un tappetino yoga dipende da:

  • quali materiali vengono utilizzati e come e dove sono realizzati
  • quanto tempo dura, ovvero quanto è resistente all’abrasione e all’usura
  • come e se è compostabile o riciclabile

Materiale e fabbricazione

La maggior parte dei tappetini yoga disponibili in commercio arriva dalla Cina. Quasi tutti contengono petrolio, anche se sono venduti con la dicitura “eco”. Quindi non farti ingannare, e spulcia tra i componenti! Esiste infatti una buona selezione di tappetini yoga naturali realizzati in gomma naturale, juta, canapa o bambù in alternativa a materiali chimici come PVC o PER (Polymer Environmental Resin). È anche importante che il processo di produzione non includa schiume tossica e candeggina. E se vogliamo essere davvero eco-friendly, dovremmo utilizzare materie prime che ricrescono o si rigenerano (non è sempre il caso della gomma naturale).

Ci sono marchi di tappetini yoga in PVC prodotti senza emissioni in Europa e certificati secondo lo standard OKO-Tex:

Eco Test: privo di coloranti e plastificanti

Nei test ecologici effettuati dai produttori stessi, è stato riscontrato che anche i tappetini yoga in gomma naturale o lattice naturale possono contenere tossine (nitrosammine), alcune delle quali cancerogene. Una delle cause è la vulcanizzazione della gomma naturale, utilizzata nella fabbricazione. I tappetini yoga in PVC o PER possono a loro volta contenere plastificanti o contenere coloranti AZP tossici.

Quindi presta attenzione al marchio Oeko-Tex 100, che certifica i tappetini che sono stati testati per le tossine. E scegli i produttori che dichiarano in modo trasparente i loro processi di produzione e i materiali utilizzati nella fabbricazione di tappetini yoga.

Importante da sapere: i tappetini yoga in gomma naturale hanno un odore molto forte all’inizio. È meglio stenderli fuori per qualche giorno prima del primo utilizzo.

Durata

Quanto velocemente si consuma il materassino da yoga dipende dalla densità del materiale, nonché dalla frequenza e dall’intensità della pratica. Come regola generale, possiamo dire che i tappetini economici si consumano in circa un anno, anche per gli yogi occasionali. Ma tranquilli, ci sono produttori che offrono una garanzia a vita sui loro tappetini. (Vedi quest’articolo)

Riciclabile

Solo i tappetini yoga che sono privi di ingredienti tossici possono essere compostati. Nel campo dei materiali sintetici, i tappetini in TPE sono diventati gli unici in plastica che sono anche biodegradabili.

7. Pulizia e Manutenzione

Il tuo tappetino yoga dovrebbe essere facile da pulire! Infatti dopo solo un’ora di pratica, il materassino ha già assorbito sudore e polvere che sarebbe necessario rimuovere. Quello che fa la differenza in termini di manutenzione dei tappetini yoga è se sono lavabili in lavatrice o meno.

Opzioni: molti dei tappetini yoga in plastica possono essere lavati in lavatrice ad un massimo di 30 gradi e utilizzando un detersivo delicato. Teoricamente. Se vuoi essere sicuro e soprattutto non vuoi rischiare di perdere la patina della superficie antiscivolo, basta lavarlo con acqua fredda e aceto nella doccia. Ricorda che i tappetini yoga in gomma naturale non possono essere lavati in lavatrice.

Per tutti i tipi di tappetini per lo yoga, si consiglia un disinfettante spray da passare con un panno. Li trovi su Amazon, ma puoi anche farli da solo con acqua e aceto o altri disinfettanti in piccole quantità.

8. Stili di Yoga

Come abbiamo visto, un tappetino yoga standard è lungo 1,75 m, largo 61 cm e spesso 0,5 cm. Ma ci sono tappetini più lunghi o con più spessore, nonché tappetini da viaggio sottili.
Quindi iniziamo dividendo gli stili yoga in due macro categorie:

  • Tappetino comodo per Yin Yoga o Kundalini: se pratichi questo tipo di Yoga, saprai che le pose vengono mantenute a lungo, spesso si sta seduti ed è frequente sentire pressione e fastidio nelle ossa del bacino, osso sacro, ginocchia ecc.. Se questo è il tuo caso, dovresti investire in un tappetino ben imbottito o anche in un tappetino di lana. Forniscono una superficie ben isolata e accogliente per la pratica e le articolazioni sono più protette dall’imbottitura.
  • Per stili di yoga dinamici come Ashtanga o Vinyasa, è consigliabile scegliere tappetini più sottili su cui si ha anche una buona e solida base per mantenere l’equilibrio. Gli stili di yoga flow tendono anche a richiedere dal tappetino una maggiore tenuta e resistenza allo scivolamento. Per questi stili, i modelli in plastica o gomma hanno un vantaggio rispetto ai tappetini realizzati con materiali naturali come lana o cotone.
Tappetino da Yoga in lana

Dobbiamo comunque dar conto delle due opinioni sul tema della resistenza allo scivolamento: alcuni ritengono che tutti i tappetini debbano essere in una certa misura antiscivolo. Dopotutto, il tappetino non dovrebbe spostarsi mentre pratichi. Ma ci sono anche yogi che danno il massimo praticando su tappetini scivolosi e bagnati o addirittura senza un tappetino – sì, alcuni praticano in calze su pavimenti piastrellati scivolosi! Perché? Perché questo attiva automaticamente i muscoli: non puoi più stabilizzarti comodamente sul tuo mega tappetino antiscivolo nel secondo guerriero, ma devi tenerti attivamente in posizione con l’aiuto dei muscoli del core e della gamba interna. Certo, questo approccio è più per gli yogi avanzati che hanno sviluppato un buon livello di forza, ma è comunque buono come ispirazione per il futuro!

Lascia un Commento!